L’ultrafiltrazione: cos’è e a che cosa serve?

L’acqua è al centro delle nostre vite, anche se non ce ne rendiamo conto investe tu gli aspetti del nostro vivere e noi operatori del settore abbiamo non solo l’esigenza, ma anche il dovere di dare risposte concrete alle sfide economiche, ambientali e sociali che i cambiamenti climatici e i rischi idrogeologici ci impongono con l’obiettivo finale di proporre uno sviluppo veramente sostenibile del territorio e dell’utilizzo razionale delle risorse. L'ultrafiltrazione è una tecnologia relativamente nuova usata per la rimozione di particelle fluttuanti, colloidi, batteri e virus.

Tale tecnica sfrutta membrane fra 5 e 500 nm che in questi anni stanno assumendo sempre maggiore importanza nelle diverse applicazioni che richiedono filtrazioni spinte con reiezioni batteriche del 99,999 % con altissimi tassi di recupero, sino al 95%.

Queste caratteristiche le rendono particolarmente efficaci ad esempio nei trattamenti di:
- Filtrazione vino
- Desporificazione del siero
- Purificazione di saline nell’industria casearia
- Pretrattamenti sistemi ad osmosi
- Filtrazione di acque di piscine
- Preparazioni farmacologiche
- Filtrazioni di emergenza
- In tutti i trattamenti al punto d’uso per la rimozione di alcuni batteri molto comuni come la legionella e la pseudomonas

Tipologia di membrane:
- spirali polimeriche, economiche, più sensibili all'inquinamento.
- tubolari, le più utilizzate per il rapporto costo/efficacia
- ceramica, costose estremamente resistenti agli inquinamenti pesanti.
- carburo di silicio, costose ma estremamente resistenti ai lavaggi ripetuti.

Spesso l'acqua d'alimentazione per l'ultrafiltrazione non è di buona qualità quindi per proteggere le stesse da problemi di deterioramento o di bloccaggio, si raccomanda in queste situazioni un comune filtro a sedimenti prima del sistema di ultrafiltrazione e valutare le due opzioni di funzionamento.

Tipi di funzionamento:
- DED END il ritenuto viene scaricato periodicamente attraverso un controlavaggio con acqua filtrata quindi è necessario un vaso comunicante supplementare.
- CROSS FLOW il ritenuto viene scaricato in continuo durante il ciclo di filtrazione (tipicamente è il 3%).

Metodi di pulizia e rigenerazione:
- Pulizia meccanica con palle di spugna e lavaggio controcorrente con aria.
- Pulizia meccanica applicata in combinazione con prodotti chimici.
- Pulizia chimica con diverse procedure e prodotti in relazione agli inquinanti.

a cura di Claudio Bacilieri