Home / News /

ECOMONDO 2019: CONSUMI IDROPOTABILI GRADEVOLI ED ECOSOSTENIBILI ALL’INTERNO DI UTILITIES, COMUNITA’ ED ISTIZUZIONI

 
 
ECOMONDO, 7 NOVEMBRE ORE 11.00 – 13.30
Piazza delle Utilities (PAD D2 Stand 041)
 

_____________________________________________________________________

AIAQ protagonista al convegno di ECOMONDO
 
“CONSUMI IDROPOTABILI GRADEVOLI ED ECOSOSTENIBILI ALL’INTERNO DI
UTILITIES, COMUNITA’ ED ISTIZUZIONI”
 
AIAQ all'ECOMONDO 2019Nell’ambito della fiera internazionale ECOMONDO di Rimini, il 7 novembre ore 11.00 – 13.30, si svolgerà l’importante convegno “CONSUMI IDROPOTABILI GRADEVOLI ED ECOSOSTENIBILI ALL’INTERNO DI UTILITIES, COMUNITA’ ED ISTIZUZIONI”. L’iniziativa, a cura di Utilitalia, AIAQ, Aquaitalia-ANIMA, prevede l’intervento di relatori illustri su tematiche di grande interesse ed attualità per quanto riguarda il trattamento delle acque e la tutela dell’ambiente, avrà come focus principale il consumo dell’acqua da bere. Un modello che, all’interno di una utilities, può rappresentare un biglietto da visita di una buona politica ecosostenibile. Riduzione della materia plastica in circolazione, riduzione della CO 2 , ma anche invito al consumo dell’acqua di rete, eventualmente refrigerata e gassata, attraverso appositi dispositivi messi a disposizione all’interno della struttura (utility ma anche grande comunità organizzata). Questo può rappresentare al tempo stesso una testimonianza di comportamento ecosostenibile - dagli effetti si spera virali - ma anche un’iniziativa utile e gradita per dipendenti, utenti, fornitori e quanti altri frequentano la struttura interessata.
 
PROGRAMMA CONVEGNO
 
07 novembre Piazza delle Utilities (conference lunch)
11.00-13.30 CONSUMI IDROPOTABILI GRADEVOLI ED ECOSOSTENIBILI ALL’INTERNO DI UTILITIES, COMUNITA’ ED ISTITUZIONI
A cura di: Utilitalia, Aqua Italia-ANIMA, AIAQ
 
Il modello di consumo dell’acqua da bere all’interno di una utilities può rappresentare un biglietto da visita di una buona politica di tipo eco-sostenibile. Riduzione della materia plastica in circolazione, riduzione della CO2 ma anche invito al consumo dell’acqua di rete (eventualmente refrigerata e gassata) attraverso appositi dispositivi messi a disposizione all’interno della struttura (utility ma anche grande comunità organizzata). Questo può rappresentare al tempo stesso una testimonianza di comportamento ecosostenibile - dagli effetti si spera virali - ma anche un’iniziativa utile e gradita per dipendenti, utenti, fornitori e quanti altri frequentano la struttura interessata.
 
Chairman
Renato Drusiani UTILITALIA
 
11.00 Indirizzi di saluto dei rappresentanti delle associazioni imprenditoriali
 
Lauro Prati Presidente Aqua Italia-ANIMA Confindustria
Massimo Lorenzoni Presidente AIAQ
Mauro D’Ascenzi Presidente UTILITALIA Servizi 11.10 Introduzione al tema
 
11.15 Introduzione al tema
Le ricadute ambientali dei distributori di acqua potabile trattata
 
Francesco Sabbatini AIAQ
Progetto WI-WATERCOOLER AIAQ AQUA ITALIA AMITAP
Piano Sicurezza Acqua al punto d’uso
Giorgio Temporelli Consulente tecnico e divulgatore scientifico
 
11.45 Esperienze e testimonianze
Esperienza all'interno di una grande utility
Alessandro Sena ACEASpA Roma
Acqua frizzante a Km 0: sostenibilità e risparmio
Armando Quazzo SMAT SpA Torino
Progetto Water Drop: acqua nelle scuole
Cecilia Paris Gruppo CAP
Progetto scuole del Comune di Cattolica
Mariano Gennari Sindaco
Università Bocconi
Lorenzo Tadini Vice Presidente Aqua Italia - ANIMA
 
13.00 Valutazioni conclusive
I diversi tipi di acqua: aspetti sanitari
Luca Lucentini ISS Istituto Superiore di Sanità
Ruolo della Regolazione
Rappresentante ARERA
 
13.30 Termine dei lavori
 
Durante l’incontro verranno affrontati due argomenti di largo interesse per tutti gli operatori del settore. Uno riguarda il nuovo documento “PIANO DI SICUREZZA per gli impianti di trattamento dell’acqua al punto d’uso”, approvato da tutte e quattro le Associazioni di categoria (AIAQ, Amitap, Aqua Italia e Watercooler Italia), che verrà presentato ufficialmente da Giorgio Temporelli durante il convegno. Il manuale è stato realizzato con la metodica usata dai gestori del servizio idrico per la valutazione dei rischi lungo tutta la filiera, impostata per essere applicata agli impianti di trattamento POU. Le indicazioni e le procedure contenute nel documento forniscono uno strumento di controllo, preventivo e correttivo, utile per ridurre al minimo i rischi di malfunzionamento di un sistema di trattamento, che consente al produttore/installatore di operare con un elevato grado di sicurezza, fornendo maggiori garanzie all’utilizzatore finale.
 
Un altro importante focus riguarderà le ricadute ambientali dei distributori d’acqua potabile trattata, a cura dell’Ing. Francesco Sabbatini, che affronterà contestualmente anche il tema dell’igiene e la pulizia delle borracce, la cui diffusione tra i consumatori sta crescendo esponenzialmente grazie alle sempre più numerose iniziative “plastic free”, che promuovono l’utilizzo di contenitori riutilizzabili al posto delle bottigliette in plastica usa e getta. Oltre
all’indispensabile sanitizzazione periodica degli impianti effettuata dai manutentori per garantire l’erogazione di acqua sempre conforme ai parametri del DLgs 31/2001, è altrettanto importante assicurasi che le borracce vengano adeguatamente pulite per evitare che l’acqua subisca un’alterazione delle caratteristiche organolettiche e microbiologiche a causa del cattivo stato di conservazione.

 


Risorse: