Home / News /

Un piano di sicurezza per i dispositivi al punto d’uso: grande interesse per il progetto presentato all'Acquafair 2019 da Aiaq e le altre Associazioni di Categoria

La manifestazione Acquafair in occasione della sua seconda edizione veneziana ha visto la partecipazione di importanti aziende del settore del trattamento acque. I professionisti che hanno partecipato alla manifestazione, nella mattinata del 7 marzo hanno seguito con grande interesse il convegno in cui è stato presentato l’innovativo progetto riguardante la stesura di  un piano di sicurezza per i dispositivi di trattamento dell’acqua al punto d’uso che non rientrano nel settore alimentare.
 
Nell’ambito della documentazione a supporto del progettista, del’installatore, del gestore e del manutentore di impianti per il trattamento dell’acqua potabile manca, ad oggi, un documento dedicato a quelle realtà che non sono soggette al Regolamento 852/2004, ovvero dove NON è prevista la stesura di un piano HACCP e la figura di un OSA perchè l’acqua NON è considerata, dal punto di vista legale, un alimento. Rientrano in questa categoria, ad esempio,  gli impianti installati in ambito domestico e quelli presenti in ambienti ed edifici ad uso collettivo quali uffici, sale d’aspetto, caserme e altri locali aperti al pubblico che non prevedono la figura di un OSA.
 
 
Il documento, che è in fase di preparazione, è stato illustrato dalla dott.sa Rossella Colagrossi e dal dott. Giorgio Temporelli, che lo realizzeranno secondo un crono programma che ne consentirà la presentazione ufficiale in occasione del Festival dell’Acqua di Venezia, nella giornata dell’11 ottobre.
 
Un importante progetto che nasce da un’idea di AIAQ, integralmente condivisa dalle altre associazioni di categoria Il manuale che verrà prodotto sarà quindi il primo di questo tipo che porterà la firma unificata di Aiaq, Amitap, Aqua Italia e Watercooler Italia e che rappresenterà un utile riferimento per gli operatori del settore, fornendo inoltre utili informazioni riguardanti quegli aspetti più pratici, ma di fondamentale importanza, come la sanificazione degli impianti e lo smaltimento dei ricambi esausti.
 
La stesura avanzata del lavoro sarà presentata alle varie Associazioni entro l’estate, in tempo utile per recepire, nel documento finale, le eventuali osservazioni che emergeranno.